Reading “Provincia Exotica” Giovedì 1 Agosto – ore 21,30 Chiostro della Ghiara – reggio Emilia

406851_177273132371607_163102527122001_299721_1328160157_n

 

 

Giovedì 1 Agosto si recupera il reading di “Provincia Exotica” primo acido libercolo di Fabrizio Tavernelli, vademecum della deriva, manualetto di etologia borderline, spedizione antropologica tra specie autoctone e allogene della lisergica provincia emiliana. La precedente performance era stata sospesa per lo scatenarsi degli elementi e per le congiunte azioni di sabotaggio climatico ordite da rettiliani, inumani e agenti del sovvertimento. Questa volta però non riusciranno scie chimiche, progetto echelon, piogge monsoniche artificiali del Grande Complotto Universale, non sarà il fracking a fermare il disvelamento della realtà. Non riuscirà la biomassa oscura, il raggio della morte testato dall’appuntato di guardia di Finanza Franco Marconi negli anni ’40 sul crinale dell’appennino reggiano, non riuscirà la potente setta dell’ordine di Calatrava ad azzittire la Resistenza Anarco-Sufi delle tribù survivaliste. Partecipando all’evento carbonaro potrete finalmente sapere di razzie aliene di parmigiano, di pirateria fluviale rumena, potrete saperne di più del voodoo del delta del pò, di gotico padano e neo-gotico correggese, potrete avere conferme dei misteri della fantacasearia locale, di psichedelia e vasche di deprivazione sensoriale a base di siero di vitello transgenico, potrete finalmente conoscere tutte le verità sugli esperimenti compiuti sugli abitanti e sul territorio più saccheggiato, contaminato e inospitale della galassia.

https://www.facebook.com/events/531987926850320/?ref=22

http://youtu.be/mzjRO3eZlAY

Fabrizio Tavernelli Intervista su Radio Rumore – Babel 25/07 live

Suoni a km zero, ultima serata multiculturale con i Babel PDF Stampa E-mail
SCRITTO DA ADRIANO ARATI   
DOMENICA 21 LUGLIO 2013 22:04
babel

Ultima serata di musica reggiana doc, giovedì 25 luglio con l’appuntamento conclusivo di Suoni a km zero, la rassegna musicale curata dal batterista Gigi Cavalli Cocchi. A chiudere i giochi, saranno i Dumbo Gets Mad e i Babel. Noi abbiamo sentito i Babel, per l’occasione, per una bella chiacchierata su musica e multiculturalità.

Da  inizio luglio sino ad oggi, Suoni a km zero ha ospitato otto band di musicisti del territorio reggiano, che si sono esibiti in coppia nel cuore della città, in Piazza Prampolini, al giovedì sera.

Dopo l’esordio con Welcome Back Sailors e New Er@, proseguendo con Lassociazione e Giancarlo Frigieri e poi con What A Funk e Moscova, prima del finale di questo giovedì con Dumbo Gets Mad e Babel.

Babel è un progetto fra world music, pop ed elettronica che vede impegnati due nomi conosciutissimi della musica italiana, Fabrizio “Taver” Tavernelli (AFA, Ajello) e Giovanni Rubbiani (ex chitarrista dei Modena City Ramblers), insieme a giovani musicisti di varie nazionalità. Il risultato, un album chiamato Babelizm ed un singolo, Pakistano Reggiano, che già dal nome raccontano bene la voglia di meticciato.

Abbiamo fatto una chiacchierata con Taver per conoscere meglio questa sua nuova avventura. Il risultato, una serie di riflessioni sulla multiculturalità, sulla necessità di integrazione e sulla musica e sulla cultura come strumenti per favorire questo processo.

ASCOLTA L’INTERVISTA

 

http://www.rumoreweb.it/index.php?option=com_content&view=article&id=1848%3Asuoni-a-km-zero-ultima-serata-multiculturale-con-i-babel&catid=53%3Ainterviste&Itemid=281

Giovedì 25 Luglio – Babel Live “Suoni a Km”0 – Piazza Prampolini (Reggio Emilia)

Foto: Giovedì 25 Luglio dalle ore 21,30 BABEL in Piazza Prampolini a Reggio

Tra le novita’ di di quest’anno c’è Suoni a km 0, una rassegna a cura di Gigi Cavalli Cocchi che propone dal 4 al 25 luglio in piazza Prampolini alcuni dei nuovi artisti e gruppi “made in RE”. Generi e mondi diversi sullo stesso palco, a testimoniare un fermento e una varietà di proposte!
Live Giov. 25 Luglio Babel ! 
Opening act Dumbo gets mad!!!

https://www.facebook.com/events/660722680622243/?ref=22

18 LUGLIO: BABEL @ MEMORIE R-ESISTENTI, Festa con la Fondazione ex Campo Fossoli

Giovedì 18 luglio suoneremo in acustico per gli amici della Fondazione Fossoli, all’interno di una serata di autofinanziamento. Per cause di forza maggiore sarà una versione minimale di Babel, con Taver alla voce, Giovanni alla chitarra e Alessandro alle tastiere. Sarà un’occasione per sentire come funzionano i nostri pezzi in acustico, per mangiare bene e aiutare a mantenere alta la voce dell’ex campo di concentramento. Appuntamento al Circolo Loris Guerzoni di via Genova 1, a Carpi.

Prenotazione obbligatoria entro martedì 16 ai contatti specificati più sotto.
Vi aspettiamo numerosi!


MEMORIE R-ESISTENTI
Festa con la Fondazione ex Campo Fossoli

un momento per stare insieme con la volontà di contribuire
in modo solidale a rafforzare la nostra storia
GIOVEDI’ 18 LUGLIO 2013
CIRCOLO LORIS GUERZONI
Via Genova, 1 – Carpi

programma
ore 19.30 ritrovo presso circolo Loris Guerzoni
ore 20 CENA DI AUTOFINANZIAMENTO
         (su prenotazione)
         € 15 adulti e ragazzi dagli 11 anni – € 8 bambini dai 3 ai 10 anni
       prenotazioni entro martedì 16 luglio cell. 333.811.73.18,
         presso Fondazione ex Campo Fossoli 059.688.272 dal lun al ven 9.30 – 13,
         via mail a fondazione.fossoli@carpidiem.it
         o presso circolo Guerzoni tel. 059.68.33.36
ore 21.45 CAMPO FOSSOLI: I GIOVANI PER RICORDARE. I ragazzi raccontano l’esperienza del campo di volontariato
ore 22.15 inizio concerto
BABEL in acustico
a seguire
DJ-SET con MANFRO
ingresso gratuito

Giovedì 11 Luglio – Disc Jokey Philippe “TAVER” Taverio-Chiostro della Ghiara (ostello della gioventu a Reggio Emilia)

 

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Come tutti i giovedi al Chiostro della Ghiara (ostello della gioventu a Reggio Emilia) dalle 20 con AperiCena sino alle 24.00
E’ il momento del Disc Jokey Philippe “TAVER” Taverio Fabrizio Tavernelli
>Ingresso Gratuito!< stasera ore 19,30 nel mio avatar disc jockey “philippe taverio” miscelo muzak,chincaglierie electro,trashismi e battiti cosmici @ chiostro della ghiara-reggio emilia

https://www.facebook.com/events/192758390881559/?ref=3

 

JENSEITS “Nomade Psichico Suite” 2013 Nostress Netlabel (in collaborazione on Lo Scafandro)

Fabrizio Tavernelli  “Sono onorato da questo lavoro ordito da Francesco Vecchi/Jenseits dedicato all’album “NOMADE PSICHICO” la cosa che ancora oggi preferisco della mia avventura con gli AFA”

Jenseits 

All’origine di questo progetto c’è la volontà di Francesco Vecchi, in arte Jenseits, nel rivisitare musica, citare e recitare testi e poesia di alcuni brani di ” Nomade Psichico”, disco uscito per “I dischi del mulo”/ “C.P.I. (Consorzio Produttori indipendenti)”, di un gruppo storico della musica underground italiana degli anni 90, gli AFA ( Acid Folk Alleanza) e di un onirico reading di un brano tratto dal libro ” Provincia Exotica” di Fabrizio “Taver” Tavernelli (voce e leader degli AFA); il tutto completato e impreziosito da due brani originali dello stesso Jenseits. Il progetto è realizzato in collaborazione con la indie label “Lo Scafandro” partorita e gestita in toto dal “Taver” stesso. Ci piace definire questo secondo lavoro di Jenseits come “psico-electro sci-fi cover music”. 

Nomade Psichico Suite 

Immaginate di trovarvi sospesi nel vuoto siderale, alla deriva in uno scafandro, immersi in un silenzio infinito, lontani da tutto ciò che poteva essere rassicurante. Siete finiti in un cimitero gravitazionale, una discarica spaziale di rifiuti, resti di astronavi e satelliti danneggiati. Ora con questi resti provate con ingegno e disperazione a ricostruire un modulo, un nuovo manufatto di rozza tecnologia survivalista, una traballante stazione orbitale, una struttura di necessaria sopravvivenza in un universo ostile e senza fondo. La stessa operazione di recupero compiuta da Jenseits che recupera reperti, tracce, registrazioni abbandonate nel vuoto. Una suite in espansione dove impulsi, segnali e messaggi vengono raccolti, rielaborati, analizzati e infine rimiscelati con quel che resta di una tecnologia di una razza un tempo proiettata verso il futuro e ora sempre più vicina a una definitiva entropia. Sono cluster, riverberi, loop sporchi e corrosi, echo che ribattono tra dimensioni sconosciute. “Nomade Psichico Suite” è un minuzioso lavoro di archeologia cosmica, è un decifrare linguaggi lontani e sconosciuti. Come l’ultima luce che viaggia nel tempo per darci notizia della morte di una stella. Come nelle ultime civiltà degli umani dove regna un’apocalisse quotidiana. Jenseits è un raccoglitore, proprio come furono i primi gruppi di ominidi sul pianeta terra, nomadi alla ricerca e alla scoperta. Ricchezze abbandonate rinvenute sul percorso, suoni, parole, sensi, tutto quello che può servire all’uso, al riassemblaggio. Costretti all’invenzione, per ridare energia e vita a quello che pareva senza vita, ma che conserva seppur in forma immobile, una memoria. Fossili,vita impressa per sempre, racchiusa, conservata per quello e per chi verrà. Materia da ricomporre in modo astratto e astrale. Dare una nuova funzione a oggetti sonori destinati all’eterno silenzio. Il mio fossile è “Nomade Psichico”, un album che proteggo gelosamente in una parte remota del mio animo, un lavoro che mi ha segnato, una costruzione e un progetto che mi ha proiettato molto lontano, dove non credevo di poter arrivare. Una piattaforma astronomica da cui ho potuto vedere, auscultare quello che non avevo mai potuto ricevere. E solo osservando e viaggiando negli sconfinati spazi, solo nel momento di massima espansione della coscienza, ho scoperto che in vero stavo viaggiando dentro me stesso, nel mio inconscio, nel mio più profondo intimo. Come nella migliore fantascienza interiore. Ammirevole dunque e capzioso come un buco nero, il lavoro che si aggiunge in questa opera monolitica, un labirintico intarsio di immagini, film, suggestioni letterarie, visioni e illuminazioni. Jenseits ha capito cosa c’era dietro, cosa c’era prima, cosa c’era dentro e cosa c’era oltre il disco “Nomade Psichico”. E’ una stupefacente rifrazione caleidoscopica, una galassia gemella che si specchia nel multiverso. Una struttura ad anello, una respirazione circolare, una trance, una nebulosa spiraliforme. Jenseits è la prosecuzione di un viaggio in un tempo indefinito, dove è richiesto un passaggio di generazioni affinchè un percorso oscuro sia rivelato da anni luce di peregrinare. Raggiungere un nuovo pianeta, raggiungere una verità, raggiungersi laggiù, una sola destinazione e ora il comando della nave interstellare ha un nuovo equipaggio coraggioso e utopico, deciso nel cammino oltre l’inesplorato confine. Sino al prossimo passaggio dimensionale. Buon Viaggio Major Francesco e ricordati i codici di volo. 

Dal Diario di Debordaggio, Taver

Release Date: June 28, 2013
Total running time: 64:41
Catalogue: NN_LP041_06_13

IN DOWNLOAD DIGITALE SU Nostress Netlabelhttp://www.nostressnetlabel.net/NN_LP041_06_13.html

 

www.nostressnetlabel.net

Netlabel of Digital Releases, Psychedelic; Space Rock; Post Rock; Avant-garde; Electronic and Electroacoustic; Ambient; Experimental Ambient; Drone; Industrial

 

http://www.facebook.com/l.php?u=http%3A%2F%2Fwww.nostressnetlabel.net%2FNN_LP041_06_13.html&h=hAQHTCPWR