Venerdì 27 Febbraio Lo Scafandro presenta il libro di Antonello Cresti “Solchi Sperimentali” + Fabrizio Tavernelli Complesso live @ Dinamo (Reggio Emilia)

 

 

 

Lo  

Lo Scafandro presenta l’ottimo libro di Antonello Cresti “Solchi Sperimentali” (una guida alle musiche di ricerca e d’avanguardia dagli anni 60 ad oggi) a seguire live di Fabrizio Tavernelli Complesso

Venerdì 27 Febbraio Dinamo ore 22 > un muovo locale cool a Reggio dove si fa nuova musica e si può mangiare (gradita prenotazione). Per l’occasione farò una bella chiaccherata con Antonello Cresti in merito al suo ottimo libro sulle musiche sperimentali e a seguire suonerò alcune mie cose. Canzoni in griglia popular con piccole deviazioni e magari qualche momento impro con il Complesso

https://www.facebook.com/events/824227204309743/?source=1

https://www.facebook.com/associazionedinamo

SOLCHI SPERIMENTALI è il punto di arrivo di venti anni di ascolti “matti e disperatissimi”, il tentativo di tracciare un percorso che, snodandosi attraverso i circa 300 album recensiti, fornisca una immagine il più ampia possibile di tutti i percorsi sperimentali affrontati dalla “musica giovane” dagli anni sessanta ad oggi. L’idea di “avanguardia” che emerge da queste pagine, lungi da essere polveroso argomento per accademici, è materia palpitante, una sorta di impulso creativo che ha animato e arricchito i percorsi di numerosissimi artisti operanti negli ambiti musicali più vari, dalla psichedelia al jazz rock, passando per il folk, la musica panetnica, arrivando infine a fenomeni come la musica elettronica e il black metal. Una simile volontà di abbattere steccati e barriere è ben espressa anche dal trovare trattati, su queste pagine, musicisti dalle provenienze geografiche più varie e sorprendenti, senza nessuna sudditanza culturale verso il solitamente privilegiato mondo anglofono. SOLCHI SPERIMENTALI è una straordinaria opportunità per conoscere musiche altre, in gran parte mai affrontate dalla stampa specializzata. Una guida attendibile e, insieme, il diario di una antica, folle, passione.
Biografia autore
ANTONELLO CRESTI è saggista, compositore e giornalista. Si occupa prevalentemente di controcultura, musica underground, spiritualità e mondo britannico, argomenti ai quali ha già dedicato sette libri, usciti per varie case editrici. Col collettivo Nihil Project ha pubblicato apprezzati album in ambito sperimentale. Collabora regolarmente con un ampio numero di testate cartacee e web, tra le quali Il Manifesto, Alias, Left, Rockerilla, Altri, Liberazione. È ideatore e firma principale del blog “di anomalie culturali” Idee In/Oltre.

Fabrizio Tavernelli. Complesso “Volare Basso” live

Cantante, produttore, musicista, scrittore. Laureato al DAMS di Bologna. Attivo negli anni ’80 con En Manque D’Autre e dal ’93 al 1999 con gli Afa (Acid Folk Aleeanza) con i quali incide diversi album tra crossover ed elettronica per Sugar di Caterina Caselli e Dischi del Mulo/CPI/Polygram label voluta dagli ex cccp Massimo Zamboni e Giovanni Ferretti). E’ideatore dell’evento “Materiale Resistente”nel ’95. Dal 2000 presenta diversi progetti dal pop alla sperimentazione, dalla psichedelia all’elettronica, dalla italo-disco all’avanguardia : Groove Safari , Roots Connection , Duozero , Ajello , Babel. Del 2011 è l’uscita del suo primo libro “Provincia Exotica” viaggio in una Emilia allucinata e distorta. Attualmente è impegnato in veste solista con una serie di devianti canzoni d’autore. Due gli album incisi per l’etichetta personale Lo Scafandro : “Oggetti del Desiderio” e l’ultimo “Volare Basso”.

Il live è incentrato sull’ultimo album solista ma all’interno del concerto ci sono incursioni nel repertorio degli AFA. Il suono si muove tra songwriting, elettricità, avantgarde con una costante attenzione letteraria per il testo.

Fabrizio Tavernelli Complesso lineup :

Fabrizio Tavernelli (voce,chitarra) Marco Santarello (chitarra, cori) Alessandro De Nito (tastiere) Marco Tirelli (basso) Lorenzo Lusvardi (batteria)

Fabrizio Tavernelli, Intervista su Artmaker Web TV – parte 4

Intervista su Artmaker Web TV – parte 4 Posted in Nuove, Videodrone (la mia carne in TV) by Taver on the February 23rd, 2015 Edit This La quarta parte di una epica intervista…e non è finita : Art’n’Roll – Quarto appuntamento con Fabrizio Tavernelli. Il primo album solista e la sua prima opera letteraria.

Guarda il video

https://www.youtube.com/watch?v=FqPMMxP5ifI

 

P1030607

Disco-Bolo (atletico blog di dischi lanciati e assimilati) su Artmaker Web TV

 

foto disco-bolo.jpg

e viaaa, una nuova mia cosa, grazie alla attivissima ArtMaker Web Tv : Disco-Bolo
un atletico blog di recensioni e suggestioni musicali assimilate e lanciate. primo frammento “My life in the Bush of Ghosts” di Eno & Byrne

Disco-Bolo (atletico blog di dischi lanciati e assimilati)
Una tonica tensione muscolare/intellettuale tra oggetti sonori assimilati e oggetti non ancora identificati scagliati in uno spazio comune.
Il discobolo, colui che lancia il disco nei giochi olimpici. Il bolo, masticazione, digestione, assimilazione organica di elementi nutrienti, musica su tutto e di conseguenza cultura, dati, suggestioni, estetiche.

http://www.artmaker.tv/disco-bolo-01/

http://www.artmaker.tv/

Duozero “piano modificato” colonna sonora del video “I’m Italian”

 a3763286020_10

 

 

 

 

 

 

 

Durante questo convegno sarà proiettato in anteprima il video con la colonna sonora dei Duozero (estratto dall’album “No-Programma” 1999 Snowdonia dischi )
Duozero è uno dei miei progetti degli anni duemila con Enrico Marani

https://www.facebook.com/events/586162554853940/?ref=4

Art’n’Roll-Fabrizio Tavernelli-artista dell’animo Pt.3 ArtMaker Tv.

 

 

pika1.jpg

La terza parte (di sette) della mia intervista su ArtMaker Web Tv
Sciolti gli AFA, per Taver gli anni zero saranno anni ricchi di idee
e progetti non solo musicali.
Duozero, Groove Safari, Roots Connection, Ajello, I.R.R.S.,
Babel e Impresa Gottardo sono le numerose esperienze
di sperimentazione e contaminazione musicale che portano
alla produzione di svariati dischi e innumerevoli live in Italia e in Europa….

http://www.artmaker.tv/fabrizio-tavernelli-artista-dellanimo-pt-3/

 

Nuovo disco dei MUSTEK per LO SCAFANDRO…..

MUSTEK                                     

Esce oggi il singolo “Crudele”

Tratto dall’ep “Notturno” in uscita il 16 marzo 2015 su Lo Scafandro Dischi.

1509652_862375890486953_7868631189198476863_n

 Quando il vento tace, qui fuori, è come se aspettassi una risposta convincente dalla notte.

Un attimo di fremito, in attesa di un sussurro, e poi tutto ricomincia incessantemente a rovinare”

 

E’ il finale del testo originale da cui è nata “Crudele”, primo singolo dei reggiani Mustek tratto dall’ep “Notturno”. Una riflessione amara di una veglia, in un maggio “veramente crudele”. Il processo creativo dei Mustek parte infatti dalle liriche del “partigiano” Repapero, e viene attualmente elaborato attraverso l’i-pad e la classica elettronica artigianale della band.

 

Riferimenti: Ustmamò / Depeche Mode.

 

LINK ASCOLTO: https://soundcloud.com/mustek-1/crudele

 

L’ep “Notturno” è stato registrato tra aprile e novembre 2014 tra lo Studio Seltz di Reggio Emilia e il Dude Studio di Correggio (RE) da Alessandro Bartoli (Babel, Rio), e vaga nei territori di un’elettronica che il duo reggiano vorrebbe “umana”, tra soluzioni old style (Depeche Mode), qualche tocco IDM (Boards Of Canada) e chill-out (Thievery Corporation), ed un inevitabile gusto “emiliano” (Ustmamò).

 

La copertina di “Notturno” è opera di un talentuoso pittore reggiano, Fosco Grisendi.

 

L’ep esce il 16 marzo 2015 su etichetta Lo Scafandro Dischi (www.loscafandro.it )

 

Contatti:

http://www.facebook.com/mustekband

http://mustek.bandcamp.com

 

Mailmustekband@gmail.com

 

BIOGRAFIA MUSTEK

Mustek: una fermata della metropolitana di Praga, una marca di scanner, un gruppo di Reggio Emilia innamorato degli spazi sonori elettronici. Gli scanner non c’entrano niente, c’entra che “mustek” in ceco vuol dire “ponte” e a loro piacerebbe essere un “ponte” verso quei non luoghi dove le vibrazioni delle chitarre elettriche si fondono con la freddezza dei synth. Formatisi nel 2004, sognatori e disillusi, traggono linfa vitale dai testi scritti da un elemento esterno al gruppo, un ghost writer dal nome di battaglia come un partigiano, Repapero. Nessuna tematica impegnata però, perché l’arte è bellezza e disimpegno: solo sensazioni e storie che possono colorare i loro suoni, simili a quelli che avevano iniziato ad esplorare gli Ustmamò.

Partiti con un demo dal titolo “L’Ora Inquieta” (2005), hanno fatto oculate apparizioni live (tra tutti si cita il 3° Kalporz Festival con Bron Y Aur e OvO) attraversando anche il minimalismo elettronico e la forma espressiva del reading musicale (con una collaborazione con lo scrittore Giovanni Fantasia per “Introduzione Alle Città”). Votati alla “voce femminile”, nel tempo i Mustek hanno ospitato quelle fascinose di Jyoti Guidetti (Babel), Cristina Silingardi (“storica” singer della band), Alice Montagna (Errezero), Maura Rinaldini e Bianca Pasquesi (MilaServeAiTavoli). La loro versione di “A Means To The End” è stata inserita nel cd tributo ai Joy Division intitolato “A Different Story – Songs by Joy Division” (2010), pensato e voluto da Daniele Carretti e dall’indimenticato Fabrizio Fontanelli degli Offlaga Disco Pax, con i Julie’s Haircut e altri.

!cid_ii_i5qnekqr1_14b54685152c611f

 

 

 

componenti:

PAOLO BARDELLI voce, synth, groove box

FABRIZIO ASCARI chitarre, programmazione ipad, cori

 

DISCOGRAFIA:

–       “L’Ora Inquieta” (2005)

–       “Dove Ci Siamo Incontrati (2011)

–       “Notturno” (2015)

 

Foto di Elena Abbati

Intervista a Fabrizio Tavernelli su Rizomatika

I suoni e le cose. Intervista a Fabrizio Tavernelli su Rizomatika

 

volarebasso-(copertina).jpg

Una nuova intervista sul Blog Rizomatika che coinvolge la musica, i suoi supporti, le estetiche e i significanti “Abbiamo rivolto a Fabrizio Tavernelli domande che riguardano alcuni snodi che noi riteniamo decisivi nel rapporto tra i suoni e le cose. Le articolazioni di seguito elencate sono assemblate come flussione di pensieri, condensati in domande e/o ponderazioni che ammiccano complicità, reazioni, correzioni: tale inchiesta insegue nuovi territori acustico-riflessivi da esplorare con la ritrosia o la complicità dell’intervistato.”

http://rizomatika.blogspot.it/2015/02/i-suoni-e-le-cose-intervista-fabrizio.html

 

Art’n’Roll-Fabrizio Tavernelli-artista dell’animo Pt.2 ArtMaker Tv.

 

Online la seconda parte (di sette) di una lunga intervista sulle mie accidentate venture musicali / esistenziali. Grazie all’ottimo lavoro di Augusto Ruggiero e un ben arrivata a ArtMaker Web Tv Buona Visione e Buona Visionarietà!

 

 

Art’n’Roll-Fabrizio Tavernelli-artista dell’animo Pt.1 ArtMaker Tv.

Online la prima parte (di sette) di una lunga intervista sulle mie accidentate venture musicali / esistenziali. Grazie all’ottimo lavoro di Augusto Ruggiero e un ben arrivata a ArtMaker Web Tv Buona Visione e Buona Visionarietà!

http://www.artmaker.tv/artnroll-fabrizio-tavernelli-artista-dellanimo-pt-1/

P1030562.JPG